Home » News » Turismo » “Industria del turismo e impresa culturale integrate, questa è la wiki Puglia che vogliamo”. Quando per innovare e valorizzare devi far breccia nei cuori e nelle sensibilità delle persone: 7 proposte dal basso.

“Industria del turismo e impresa culturale integrate, questa è la wiki Puglia che vogliamo”. Quando per innovare e valorizzare devi far breccia nei cuori e nelle sensibilità delle persone: 7 proposte dal basso.

16 dicembre 2015, di Studio Giaccardi & Associati

E così, dopo il 25 novembre 2015 a Taranto, i risultati della metodologia Turismo Bottom-up in Puglia vengono presentati il 16 dicembre anche a Lecce per esplicita volontà di Loredana Capone, neo Assessora al Turismo e alle Attività Produttive della Regione Puglia, che con quelle parole riportate nel titolo di questo post ha impresso una forte direzione di senso al nostro stesso lavoro iniziato 5 mesi prima.

locandina_puglia_tarantoQuello che forse ha convinto un po’ tutti, al di là della suggestione o iniziale diffidenza per un metodo di lavoro mai usato in Puglia, sono stati i numeri delle “metriche sociali” prodotte da un processo turistico e territoriale di ascolto e collaborazione sviluppatosi inopinatamente a cavallo di due stagioni politiche diverse.

Alla fine infatti, oltre 3 mila persone tra loro spesso sconosciute hanno letto, scritto e commentato i post della piattaforma partecipativa www.puglia.iturismochevorrei.it producendo 63 proposte di innovazione, mentre più di 4 mila operatori e stakeholder pugliesi sono stati coinvolti consapevolmente nelle azioni del Progetto Dual Core (& Care) che ad  esempio, tra indagine di campo e focus group, ha fatto emergere e declinato le priorità di 108 “Nodi di sviluppo” e 148 “Proposte operative di miglioramento”.

Ma perché “dual” o duale?

Perché la destinazione Puglia, così tanto cresciuta in questi ultimi quattro-cinque anni a livello di brand reputation e incoming internazionale, si è ad un tratto avvertita “fragile” nella valorizzazione della risorsa territorio e nella continuità di sviluppo: da qui, l’idea di un progetto a doppia trazione capace cioè di ascoltare e impegnare il “cliente interno” (operatori e stakeholder turistici) con la stessa cura giustamente dedicata per ascoltare e motivare il “cliente esterno” (intermediari e consumatori finali).

All’inizio non è stato semplice, storie e metodi di lavoro diversi sono stati frenati anche dall’empasse di una lunga e diffusa campagna elettorale regionale. Tuttavia, da giugno 2015 abbiamo sviluppato per  metrichePugliapromozione – l’Agenzia Regionale per il Turismo, il citato Progetto Dual Core (& Care) in risposta all’esigenza di far partecipare operatori e stakeholder turistici alle scelte di futuro che li riguardano. Cioè, all’innovazione dell’offerta turistica in chiave all seasons e alla nuova programmazione 2020 della destinazione Puglia.

Quattro rapporti di ricerca (tra i quali l’analisi e la misurazione di oltre 31 mila conversazioni online di prosumer-viaggiatori italiani ed europei, realizzate anche con tecnologia Travel Appeal), la community  www.puglia.iturismochevorrei.it tuttora attiva, un set di proposte di sviluppo e i forum di Taranto e Lecce, sono diventati gli output “fisici” del progetto, unitamente a una diffusa, ci pare, consapevolezza di aver vissuto un processo di rigenerazione collettiva e di strutturazione dal basso della volontà di co-operare insieme. Un’operazione complessa che nell’insieme ha fruttato 7 proposte partecipate:

  1. La convenienza di essere una destinazione wiki, cioè sostenuta e partecipata dai “clienti esterni” e dai “clienti interni”
  2. La vision 2020 per fare della wiki destination Puglia la piattaforma internazionale “Human Heritage & Travel dell’Italia e del Mediterraneo”, motivata da due fattori oggettivi: la volontà degli operatori che assegnano allo sviluppo di una nuova offerta di turismo culturale (e gastronomico) un’importanza del 66% maggiore di qualunque altra; il trend statistico (su basi ISTAT 2008-2013) del “turismo delle città d’arte pugliesi” con performance del +26% (totale arrivi), del + 54% (arrivi stranieri) e del +55% (presenze stranieri) superiori al “turismo mare” e valori assoluti in formidabile crescita
  3. La nuova strategia di marketing e marketing digitale “Wiki Puglia, la destinazione più amata da turisti e cittadini” che nel successo verso il “cliente esterno” e il “cliente interno” dell’ashtag #weareinpuglia trova un’anticipazione intelligente e un’ispirazione sperimentata, rilanciando la sfida dell’identità e della caratterizzazione della Puglia e dei suoi territori
  4. Le 12 innovazioni Wiki Puglia di prodotto, servizio e governance verso “cliente esterno” e “cliente interno” per costruire insieme front end e back end della piattaforma online e offline “Human Heritage & Travel”
  5. La nuova organizzazione turistica collaborativa strutturata per DMO di area vasta e business unit di prodotto
  6. L’evoluzione della community “puglia.ilturismochevorrei.it” con la missione di ampliare ascolto e collaborazione e facilitare vision, strategia, innovazioni e organizzazione collaborativa
  7. “Last but non least”, l’evoluzione darwiniana di Pugliapromozione 2.0, consigliabile per convenienza, coerenza (digitale) ed efficienza delle operazioni verso “cliente esterno” e “cliente interno”.

Non sappiamo ancora che cosa “assumerà” l’Amministrazione regionale pugliese dal ricco quadro di analisi e proposte che anche a Lecce verranno raccontate e discusse insieme con operatori e stakeholder – il nostro intervento è svolto insieme con quelli dell’Università del Salento e del CISET dell’Università di Ca’ Foscari di Venezia -, ma dopo questa esperienza siamo ancor più convinti di un fatto strategico decisivo: tutti coloro che per natura hanno relazione diretta e stabile con i clienti (B2C e B2B) costituiscono un formidabile giacimento di storie, esperienze e idee di business delle quali conviene tenere scientificamente conto per definire policy di programmazione capaci di produrre un forte ritorno economico e sociale.

La Puglia, per il nostro Studio, è il secondo grande caso di Turismo Bottom-up dopo la Liguria, siamo cioè al 10% della Destinazione Italia. Con un pizzico di leggerezza ci domandiamo: e se Turismo Bottom-up fosse anche un metodo per “tenere assieme” e valorizzare “autonomie regionali + marca Italia” così come finora nessuno è stato ancora in grado di fare?

 

Ecco le slide della presentazione di oggi a Lecce

Wiki Puglia, la destinazione più amata da turisti e cittadini from Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione

Tags: - - -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.

 
 

Facciamo insieme DMO – Arzachena Costa Smeralda destinazione globale

Ultimi articoli pubblicati

Leggi tutto

Le ultime ricerche dello Studio Giaccardi & Associati

Leggi tutto


Iscriviti alla newsletter e segui tutte le novità dello Studio Giaccardi e Associati

Seguici su Facebook