Home » News » Report » Gli account regionali del turismo italiano su Twitter: cosa hanno fatto tra dicembre e gennaio?

Gli account regionali del turismo italiano su Twitter: cosa hanno fatto tra dicembre e gennaio?

3 febbraio 2015, di Studio Giaccardi & Associati

Questo report analizza le performance degli account Twitter regionali del turismo prendendo in esame il periodo tra dicembre 2014 e gennaio 2015. Dalla nostra ultima analisi che fotografa la situazione al 30 novembre, le Marche guadagnano il podio e l’Emilia Romagna la segue in un testa a testa mensile senza esclusioni di colpi. Segue lo zoccolo duro, di dimensioni medio-grandi che procede a velocità costante, dal Trentino alla Puglia passando per la Liguria e la Toscana. Il Lazio continua a correre, sfiorando la barriera del suono, e in pochi mesi di attività sfiora la top ten della classifica per numero di follower. Fanalini di coda gli account più pigri come la Lombardia e la Campania.

Classifica per Follower Gennaio

Prima di iniziare indagare come gli account turistici regionali hanno affrontato cenoni, pacchetti regali e ripresa dei lavori dopo le vacanze natalizie,  dobbiamo segnalare una correzione ai nostri report. L’account della regione Calabria che abbiamo monitorato nei mesi precedenti non corrisponde più da qualche tempo all’account ufficiale  del Dipartimento Turismo della Regione Calabria. Adesso al posto di @turiscalabria l’account ufficiale di riferimento che monitoreremo e vi invitiamo a seguire è  @turiscalabriait. Siamo felici che l’inattività del primo abbia una spiegazione e ringraziamo il Community manager della Calabria per avercelo segnalato: allo stesso tempo raccomandiamo di cancellare al più presto il vecchio account per evitare che altri cadano nel fastidioso malinteso di seguire un account “fantasma”. La performance della Calabria oggi non la consideriamo in termini numerici, perchè non avremmo un termine di paragone, cominceremo dal prossimo report.

Chi si è guadagnato più follower tra dicembre e gennaio?

In termini assoluti, le Marche, l’Abruzzo e l’Emilia Romagna sono ai primi tre posti. La Valle d’Aosta, in fondo alla classifica forse raccoglie i frutti dell’inoperosità perdendo 4 follower.

TabellaFollower_GennaioGraficoFollower_Gennaio

La modalità di analisi basata sull’aumento in percentuale, ossia in relazione alla dimensione della community, riporta ancora una volta risultati diversi rispetto ai numeri assoluti. Sul podio troviamo l’Abruzzo che aumenta la sua community del 35%, seguito dalla Sicilia che registra un +20% e dal +10% dell’Umbria.

TabellaFollowerPCT_Gennaio

GraficoPCTFollower_Gennaio

Anche se abbiamo già applaudito l’Abruzzo nel report precedente, dobbiamo dedicargli un’altra menzione speciale. Certo, partiva avvantaggiato per via dei monti e dei borghi che innevati sono ancora più suggestivi, ma in questi due mesi l’account dell’Abruzzo ci ha invitato a sagre, presepi viventi, concerti e rivelato ricette da far sbiancare anche il più stoico dei dietologi. Il tutto rafforzato da una community che contribuisce con contenuti di grande valore aggiunto e un content management davvero efficace. Insomma, nel periodo natalizio l’Abruzzo “è stato proprio sul pezzo”.

AbruzzoRT

Chi ha seguito più account tra dicembre e gennaio?

E noi che pensavamo che a Natale fossimo tutti più buoni e che le regioni avrebbero seguito molti nuovi account. In questo periodo nessun account turistico regionale registra un andamento diverso dai mesi precendenti. Marche, Umbria ed Emilia Romagna sono ai primi posti di una classifica che riporta numeri molto simili a quella del precedente report.

TabellaFollowing_Gennaio

GraficoFollowing_Gennaio

L’Umbria ha seguito addirittura meno account t che nel sra dicembre e gennaio che nel solo mese di novembre. Siccome però ha registrato un aumento del 10% della sua community siamo andati a indagare. I tweet di @UmbriaTourism spaziano dai musei alle mostre, passando per le ciclabili e i sentieri legati a San Francesco. Un account confezionato su misura per il turista attivo ma gaudente, acculturato ed elegante. Sospettiamo che in futuro attirerà sempre più la nostra attenzione.

Umbria_Argomenti

Chi ha twittato di più tra dicembre e gennaio?

Indovinate chi guida la classifica degli account che hanno twittato di più? Proprio loro: Emilia Romagna,  Lazio e Marche. Come abbiamo accennato all’inizio è qui che il Lazio dà il meglio di sé, mentre la quasi totalità degli account ha mantenuto un cinguettio coerente rispetto ai report precedenti, il Lazio ha quadruplicato i tweet, dai 400 di novembre ai 1600 dei due mesi di fine e inizio anno. Un incremento superato solo dal Friuli Venezia Giulia, passato dai 100 tweet di novembre ai 600 effettuati nei due mesi in esame in questo report. All’account friulano suggeriamo solo un utilizzo più moderato delle parentesi quadre, se non altro per risparmiare due preziosi caratteri.

TabellaTweet_Gennaio

GraficoTweet_Gennaio

Prima di concludere il nostro report, ci permettiamo alcune osservazioni in più sulla new entry, l’account Twitter della Calabria.
Con piacere registriamo una cinquantina di tweet da dicembre a oggi, quasi un tweet al giorno e rileviamo una grande attenzione per il patrimonio storico artistico della regione. Suggeriamo però alla redazione di condividere qualche leccornia e paesaggio regionale in più e non solo tramite Instagram, perché purtroppo in questa modalità Twitter non fa vedere l’immagine e il tweet perde un po’ di efficacia. Un ultimo consiglio: Twitter cinguetta ma non becca! Di certo non si deve insegnare ai calabresi come essere amichevoli quindi siamo sicuri che non appena @turiscalabriait prenderà un po’ di confidenza con la sua community, abbandonerà la modalità telegramma per un tono un po’ più sciolto o come amano dire gli anglossassoni #veryamichevole.

Se volete sapere quali saranno le “Twitter Top Regioni” del mese di febbraio continuate a seguirci!

Tags: - - -

condividi l'articolo

2 commenti
  1. Eleonora

    Scritto il 9 febbraio 2015 - 9:51

    Cercando gli account che avete segnalato in rete, mi sono accorta che la Valle d’Aosta ha differenti account. Quello che avete indicato è indirizzato al mercato olandese. Ce n’è un altro @aostavalley con tweet in inglese, che a quanto pare è quello che gestiscono visto che @visitaosta è fermo a settembre 2014. L’account per il mercato italiano, invece, è fermo al 2012. Forse sarebbe bene considerare @aostavalley oppure fare una tabella a parte per gli account in lingua straniera. Mi riferisco ad esempio alle Marche o all’Emilia-Romagna.

  2. Studio Giaccardi & Associati

    Scritto il 9 febbraio 2015 - 17:34

    Cara Eleonora, grazie per la segnalazione. L’account dedicato al mercato italiano come giustamente fai notare è fermo da settembre 2014, per questo motivo è complicato fare delle comparazioni attendibili; prenderemo di certo in considerazione l’idea che ha suggerito.
    Grazie ancora per l’interesse dimostrato, continua a seguirci!

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.