Home » Imprese e mercati » News » Sviluppo del territorio » Turismo » Amministratore pubblico, manager d’impresa o appassionato del territorio?

Amministratore pubblico, manager d’impresa o appassionato del territorio?

11 novembre 2021, di Studio Giaccardi & Associati

Partecipa al sondaggio BUON VENTO! sulla necessità di cambiare e le opportunità del PNRR.

Ecco ci siamo: vuoi cambiare prospettiva, cioè fare emergere e sostenere esigenze e proposte dai territori e dalle imprese?

Dopo l’esperienza Covid-19 e di fronte all’emergenza climatica, abbiamo la necessità infatti di cambiare e di cogliere le opportunità PNRR. Servono però progetti efficienti, basati su dati attuali, trasparenti e condivisi.

Per queste buone ragioni e nell’ambito dell’iniziativa Green & Blue Intelligence (cfr. i post precedenti) è online il questionario “BUON VENTO! sondaggio per amministratori pubblici, manager d’impresa e appassionati di territorio”, clicca qui.

Domande semplici, tempo brevissimo di compilazione e diritti all’obiettivo di conoscere e misurare:

  • i fattori critici di insostenibilità di un Comune, un’impresa o un territorio, cioè quali fatti, strumenti e comportamenti documentabili siano sempre più inadatti, dannosi e fuorvianti o addirittura insopportabili
  • il livello di importanza attribuito a ciascuna delle 6 missioni e delle 3 priorità traversali del PNRR (per saperne di più cfr. https://italiadomani.gov.it/it/home.html)
  • le esigenze di informazioni e competenze più importanti per far progetti adeguati ed efficienti, utili a cambiare quai fattori critici di insostenibilità e a cogliere le opportunità del PNRR.

Perché è utile cambiare?

Per capire quanto il problema sia molto serio, ecco una sintetica ma efficace citazione da una importante ricerca della Deloitte che fa riflettere:

«Nei prossimi 50 anni il mancato contrasto ai cambiamenti climatici potrebbe causare all’Italia fino a 1,2 trilioni di euro di danni economici, oltre che 21 milioni di posti di lavoro in meno, riducendo significativamente le prospettive economiche di lungo termine. Di contro, una rapida decarbonizzazione nel nostro Paese, in un contesto di riscaldamento globale limitato entro 1,5°C, potrebbe portare a un differenziale positivo del PIL annuo pari al 3,3% nel 2070 e a 470,000 posti di lavoro in più.»

Ci pare che non ci sia tempo da perdere anche perché alla realizzazione degli utili 17 Sustainable Development Goals dell’Agenda ONU 2030 mancano poco più di 7 anni, non sprechiamoli!

Allora, partecipa al sondaggio “BUON VENTO! per amministratori pubblici, manager d’impresa e appassionati di territorio”, clicca qui .

Avrai la possibilità di conoscere per primə i risultati del sondaggio e avere il vantaggio di fare scelte giuste.

Grazie della collaborazione.

Per informazioni e contatti sul sondaggio BUON VENTO! e sull’iniziativa Green & Blue Intelligence:

Daniele Esposito 
d.esposito@giaccardiassociati.it
+39 348 6392821

Emanuela Bussu
e.bussu@giaccardiassociati.it
+39 335 7368153

Tags: - - - - - - - - -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.