Home » News » Report » Turismo » Le pagine regionali e quelle europee del turismo su Facebook: cosa hanno fatto nel mese di novembre?

Le pagine regionali e quelle europee del turismo su Facebook: cosa hanno fatto nel mese di novembre?

22 dicembre 2015, di Studio Giaccardi & Associati

Pagine Regionali: nei Like la più brava è la Puglia che tiene bene anche nelle altre classifiche ma non arriva ai numeri della Basilicata, regina di Talking About e Engagement. Il numero di segni negativi nelle tre classifiche non è alto né consistente, un mese di tranquillità in attesa del Natale e dell’anno nuovo.

ATTENZIONE: LA PRIMA TABELLA (LIKE) E IL CONSEGUENTE COMMENTO SONO STATI MODIFICATI IN SEGUITO A UN ERRORE DI CARICAMENTO DEL FILE

Il mese scorso ci eravamo davvero preoccupati: la classifica dei Mi Piace sembrava quella delle previsioni di nebbia, ma questo novembre per fortuna troviamo qualche cambiamento. Le prime tre posizioni sono salde e stabili mentre al 4° posto sale il Veneto con un +9,06% e cui ha ceduto il passo il Trentino, ora quinto. In ottava posizione la Puglia si presenta da regina guadagnando ben 11,46 punti percentuali. Nella parte bassa della classifica la Campania che scende con di uno 0,45% ed è l’unica che porta davanti il segno negativo.

La classifica del Talking About [1] è piacevolmente molto movimentata. Il Veneto mantiene a stento la seconda posizione, perde -20,96 punti percentuali e per un pelo la Sicilia non lo acchiappa. Una vera gara tra gli estremi della penisola! I siculi salgono al terzo posto meritatissimamente con un +22,40%.  I veri capi di questa classifica però si trovano all’undicesima e dodicesima posizione: la Puglia registra un +105, 18% seguita da un’agguerritissima Basilicata che sale di 328 punti percentuali. Il peggiore del mese è il Friuli, in decima posizione, che perde ben un -46,61%. Gli altri a scendere sono Alto Adige (-29,85%), Abruzzo (-29,65%) e quattro compatte verso la fine della classifica: Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Umbria e Sardegna.


E se il Talking about è movimentato la classifica dell’Engagement [2] lo è di più. A cominciare dalla prima posizione dove arriva trionfante la Calabria che il mese scorso aveva sofferto mancando di un soffio il terzo posto. Raggiunge la prima posizione soprattutto perché Friuli e Veneto scendono un bel po’: -48,58% per il primo e -28,62% per il secondo. L’Abruzzo rimane stabile alla seconda posizione ma perde quasi 31 punti percentuali. La regina è, anche in questa classifica, la Basilicata che sale del 318,14%. Restando nella parte alta della classifica troviamo in settima posizione la Lombardia che sale con un +49,11% mentre nella parte bassa, in sedicesima posizione, chi fa meglio di tutti è la Puglia con un +87,68%. Oltre alle grandi cadute delle prime posizioni a metà e a fine classifica altri segni negativi di qualche briciola tra cui spicca il -30,58% dell’Alto Adige.

Pagine EU: La classifica dei Like è immobile, ma la Polonia sbaraglia tutti in quella del Talking About, in cui fa un  buon lavoro anche la Germania. Nell’Engagement l’Italia rischia molto rimane stabile al primo posto.

La nebbia agli irti colli scende sull’Europa dei Mi Piace: non cambia nulla rispetto al mese scorso. Le percentuali sono tutte intorno allo zero o all’uno per cui anche se hanno davanti il segno più non sono così rilevanti.  La Francia in quarta posizione sale di un +3,31% e la Germania, settima di un +3,59%, Italia.it guadagna 2,94 punti percentuali: sono questi dati più rilevanti.

Nella classifica dei Talking About [1] troviamo tante freccine verdi che puntano in sù e ci rincuorano. Partiamo dal basso visto che la più brava è la Polonia, al diciassettesimo posto con un +227,69%, dieci posizioni più in sù è brava anche la Germania che sale di 95,54 punti percentuali. Andiamo a vedere il podio: il Portogallo sale in prima posizione grazie a pochi decimi di punto di fronte all’Irlanda che la abbandona con un -47,61% e l’Italia è ferma al gradino più basso perdendo quasi otto punti percentuali. Gran Bretagna in quarta posizione grazie a un +13,38, Grecia quinta con un +17,76% e incontriamo qui la Croazia che perde ben il -35,56%. Tre casi curiosi sono quelli di Svezia, Olanda e Finlandia che si attestano tra l’ottava e la decima posizione: sebbene perdano alcuni significativi punti percentuali sono comunque in salita nella classifica.

Nella classifica dell’Engagement [2] il segno meno la fa da padrone ma anche qui nonostante si tratti di perdita di punti gli account salgono di posizione. L’Italia è stabile in prima posizione, l’Ungheria perde 25,66 punti percentuali ma sale e arriva al secondo posto così come il Portogallo, terzo, che perde un -30,50%. Il più bravo di tutti è il Belgio che dal basso della classifica scende di posizione ma fa vedere gli artigli con un +36,97%.  Bocciata la Repubblica Ceca, in ultima posizione che perde 44,29 punti percentuali.

Se volete rimanere aggiornati sull’andamento degli account ufficiali di promozione turistica su Facebook e Twitter, iscrivetevi alla nostra newsletter. Ringraziamo tutti i lettori che seguono i nostri aggiornamenti su questo tema. Vi ricordiamo che qualsiasi segnalazione o consiglio relativo al perfezionamento delle statistiche è bene accetto. Potete commentare o contattarci direttamente per e-mail o sul sito e continuare  sollecitare il report quando siamo in ritardo:)

Grazie.

 @St_Giaccardi

==========================================

Metodologia di analisi: Il monitoraggio delle pagine regionali ed europee del turismo su Facebook è quotidiano.

[1] Media mensile del numero giornaliero dei “Talking about this”.

[2] Media mensile del rapporto giornaliero tra “Talking about this” e “Like”. Le frecce colorate a sinistra delle tabelle indicano la variazione della posizione in classifica rispetto al mese precedente.

Tags: - - -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.

 
 

Facciamo insieme DMO – Arzachena Costa Smeralda destinazione globale

Ultimi articoli pubblicati

Leggi tutto

Le ultime ricerche dello Studio Giaccardi & Associati

Leggi tutto


Iscriviti alla newsletter e segui tutte le novità dello Studio Giaccardi e Associati

Seguici su Facebook