Home » News » Food & Travel Maremma: nuove policy partecipate per lo sviluppo

Food & Travel Maremma: nuove policy partecipate per lo sviluppo

9 marzo 2015, di Studio Giaccardi & Associati

Le ricerche dello Studio Giaccardi & Associati e gli interventi di Lidia Marongiu e Giuseppe Giaccardi a BMO 2015

D’accordo con l’organizzazione di Officina Turistica, lo Studio Giaccardi & Associati per BMO 2015 ha proposto e realizzato due ricerche e un confronto di analisi strategica per strutturare la mattina del day 2 dedicata alla sfida Food & Travel (mercoledì 11 marzo) e quindi per comprendere come valorizzare le esperienze e lanciare la nuova sfida della Maremma Toscana.

fatti nuovi

La prima ricerca “Fatti nuovi nel Food?” è stata realizzata analizzando e classificando i casi e le buone pratiche di un campione qualitativo di 20 start up agricole e agroalimentari italiane, presenti sulla piattaforma collaborativa www.we4italy.it di Unioncamere nazionale. Tra i risultati, da segnalare il cambio generazionale come tratto dominante di queste start up, la ristrutturazione profonda dei sistemi produttivi con nuovi macchinari ed energie alternative e la modifica di portata del business scommettendo su più canali di mercato e sul business online.

 

 

maremma foodLa seconda ricerca “Maremma Food” ha prodotto un’indagine di campo con interviste verso 21 imprese agricole e agroalimentari della provincia di Grosseto significative in termini di tipologia di prodotto, dimensioni e mercati di sbocco. Il campione, costruito con la fondamentale collaborazione di Francesco Gentili, grande esperto di questi settori, ha permesso di classificare i punti di forza e debolezza di questa significativa elìte di imprese, di appurare un grande interesse ma una minore esperienza nel business online (14% dei soggetti intervistati contro il 45% delle start up) e di misurare i livelli sorprendentemente elevati di esperienza nel Food &Travel (oltre il 65%), propensione a integrare i due business (100%) e le due chiare condizioni per farlo (condivise al 100%): qualità di offerta certificata e autenticità di prodotto territoriale.

Grazie a questo intenso lavoro, il rapporto di analisi strategica e confronto ci suggerisce la necessità di un pensiero e un approccio radicalmente diversi. Veniamo infatti da ormai sette anni di crisi feroce che in tutta Italia, anche in questi settori, ha falcidiato fatturati, margini e posti di lavoro. Tuttavia va considerato che nel mondo i business turismo e agroalimentare sono in crescita; che l’appetibilità della destinazione Italia e del food Made in Italy è ai massimi livelli nei consumatori internazionali; infine, che le imprese online attive – quelle che usano web e digitale per migliorare collaborazione e business con clienti e stakeholder – crescono di più delle altre perché fatturati e margini aumentano fino a 5 volte più delle altre.

E allora la bella sfida Food & Travel Maremma calza a pennello ma, per realizzarsi e per avere il successo che può ottenere, dovrà basarsi su policy del tutto nuove da parte delle imprese come dei policy maker.

Se volete sapere “Come può cambiare Food & Travel Maremma”, non perdetevi i 2 panel BMO di day 2 (mercoledì 11 marzo mattina) con le relazioni di apertura di Giuseppe Giaccardi e Lidia Marongiu.
I file dei due rapporti di ricerca e di quello di benchmarking, da mercoledì si potranno scaricare direttamente dal sito www.giaccardiassociati.it: il download è gratuito.

Tags: - - - -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.

 
 

Facciamo insieme DMO – Arzachena Costa Smeralda destinazione globale

Ultimi articoli pubblicati

Leggi tutto

Le ultime ricerche dello Studio Giaccardi & Associati

Leggi tutto


Iscriviti alla newsletter e segui tutte le novità dello Studio Giaccardi e Associati

Seguici su Facebook