Home » News » Report » Gli account regionali del turismo italiano su Twitter: cosa hanno fatto nel mese di novembre?

Gli account regionali del turismo italiano su Twitter: cosa hanno fatto nel mese di novembre?

12 dicembre 2014, di Studio Giaccardi & Associati

Anche su Twitter il mese di novembre è stato segnato dal cambio di stagione: mentre Veneto e Trentino si preparano ad aprire le piste, Sicilia, Puglia e Sardegna cominciano ad accusare i primi freddi. La Liguria ha avuto altro a cui pensare, siamo sicuri che il mese prossimo splenderà il sole anche sul loro account.

Chi si è guadagnato più nuovi follower a novembre?

Per l’aumento in numeri assoluti, le Marche e l’Emilia Romagna rimangono le prime della classe, anche se la prima rallentando un po’ rispetto a ottobre (“solo” 1300 follower contro i 1800 del mese scorso). Puglia, Toscana e Trentino non mollano le loro posizioni e si confermano nella top 5. Perde quasi 10 posizioni la Liguria la quale ha dovuto affrontare l’allarme maltempo e ha giustamente rivisto le priorità. Seguono Valle d’Asta Calabria e Lombardia. Le prime due che guadagnano meno follower rispetto a ottobre, ma visto che sono seguiti “sulla fiducia” non c’è da stupirsi. La Lombardia addirittura ne perde 3: con tutto quello che avrebbe da raccontare, Expo in primis, è veramente un peccato.

Tabella_Follower_Novembre

Grafico_follower_Novembre

Osservando l‘aumento in percentuale dei follower, ossia in relazione alla dimensione della community, notiamo un generale peggioramento di performance, almeno uno o due punti percentuali in meno rispetto al mese precedente. Diamo ancora la medaglia d’oro alla Sicilia e notiamo un Abruzzo che aumenta del 6% la sua community guadagnando il secondo posto mentre le Marche e la Liguria finiscono in fondo alla classifica perdendo rispettivamente uno e tre punti percentuali rispetto a ottobre.

Tabella_FollowerPCT_Novembre

Grafico_followerPCT_Novembre

Diamo all’Abruzzo quello che è dell’Abuzzo: questo mese è stato ineccepibile, tweet sul territorio, sulle specialità enogastronomiche, sulla cultura, tantissime iniziative, contest, eventi, mostre. Bravi!

Tasteabruzzo

 

Chi ha seguito più account a novembre?

Anche questo mese ci ha riservato delle sorprese. Dopo la pulizia del mese scorso (meno 2000 account), le Marche hanno ripreso la routine dei 400 nuovi account seguiti al mese, così da far perdere la prima posizione all’Umbria anche se questa si impegna come a ottobre. Anche la Sardegna si dà da fare, già aveva seguito più di 80 account il mese precedente, a novembre sale a più di 120, superando sia l’Emilia Romagna sia il Lazio che rimangono stabili (sulla novamntina l’una e circa 60 il secondo). Sale il Veneto, anch’esso reduce da una pulizia ottobrina di una decina di account, questo mese ne segue ben 43 nuovi.

Tabella_Following_Novembre

Grafico_Following_Novembre

Chi ha twittato di più a novembre?

Gli emiliano romagnoli si confermano i più chiacchieroni, anche se calano il numero di tweet da Settembre. La Basilicata tradisce la natura dei quasi 900 tweet di ottobre come sola celebrazione per Matera2019, registrandone appena 300 a novembre.

Come accennato in apertura, arriva l’inverno, e mentre il Veneto e il Trentino si preparano al botto tra strudel, neve e mercatini, la Sicilia e Puglia sono tentate dal letargo.  Resistono l’Umbria, la Sardegna e l’Abruzzo, così come anche la Toscana e il Lazio ma queste ultime ci sorprendono meno dato il loro charme all-season.Trentino

NumeroTweet_Novembre

Grafico_NumeroTweet_Novembre

Bene, per il mese di novembre è tutto. Se volete sapere quali saranno le “Twitter Top Regioni” del mese di Dicembre non vi resta che continuare a seguirci anche il prossimo anno!

Tags: -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.

 
 

Facciamo insieme DMO – Arzachena Costa Smeralda destinazione globale

Ultimi articoli pubblicati

Leggi tutto

Le ultime ricerche dello Studio Giaccardi & Associati

Leggi tutto


Iscriviti alla newsletter e segui tutte le novità dello Studio Giaccardi e Associati

Seguici su Facebook