Home » News » San Vincenzo Destinazione 2.0: formazione e pratica per operatori turistici

San Vincenzo Destinazione 2.0: formazione e pratica per operatori turistici

15 giugno 2014, di Robi Veltroni

San Vincenzo conclude la prima esperienza di Destinazione 2.0 con buoni risultati e tanta voglia di mettersi in gioco da parte di operatori e cittadini.

depliant_san_vincenzoIl format Destinazione 2.0 è arrivato in Toscana. Lo Studio Giaccardi & Associati, Officina Turistica e l’Associazione operatori turistici di San Vincenzo e Val di Cornia, con il patrocinio del Comune di San Vincenzo hanno dato vita a giornate di studio, corsi e edu-blog tour, il tutto nell’arco di un mese. Il percorso pratico-formativo ha interessato la destinazione San Vincenzo, gli operatori commerciali e turistici.

Circa settanta operatori hanno partecipato alla prima fase di due giorni di studi e seminari aperti con gli  interventi dell’assessore comunale al turismo Massimo Nannelli e della presidente dell’AOT San Vincenzo e Val di Cornia Mirna Maggeschi. L’esplorazione del mondo travel 2.0 è partita con l’interessante presentazione del Prof. Rodolfo Baggio che, proprio qualche giorno dopo l’evento di San Vincenzo, è entrato a far parte del Laboratorio del Turismo Digitale del Mibact. Sono seguiti gli interventi di Francesco Tapinassi per Fondazione Sistema Toscana, Mirko Lalli di Travel Appeal e Andrea Zironi dello Studio Giaccardi & Associati. Particolarmente apprezzato, tra gli altri,  l’intervento di Marco Lattanzi Antinori che ha spiegato i segreti del successo della pagina Facebook di Italia.it.

Strategie, strumenti di promozione, buone pratiche, reti di imprese, network collaborativi tra cittadini, i temi dei primi due giorni di lavoro. Seminari che hanno offerto agli operatori locali la possibilità di individuare le linee guida per organizzare il proprio lavoro di promozione turistica di prodotti, strutture e luoghi.

Gli operatori smart

Gli operatori smart

E’ stata una manifestazione decisamente riuscita in termini di partecipazione – ha spiegato la presidente Mirna Maggeschi – grazie alla qualità dei contenuti espressi dal pool dei relatori. Una serie di spunti per gli operatori affinché imparino a collaborare e attivare una rete collaborativa, una via lunga e difficile in cui serve grande dedizione, passione e amore per il nostro territorio. Noi crediamo in tutto questo.

Nei giorni successivi ai seminari i partecipanti sono stati invitati a rispondere a un questionario che oltre al gradimento dell’iniziativa ha monitorato l’interesse a far parte di un team informale che lavorerà alla promozione del territorio. Grazie all’adesione di 20 “operatori smart” è quindi stato costituito il team diffuso di #SanVincenzo4U, un sistema di concierge service online. i 20 operatori hanno partecipato a un corso di due giorni  – docenti Antonio Maresca e Robi Veltroni – incentrato sull’evoluzione della distribuzione e della promozione turistica negli ultimi anni, da Thomas Cook al viaggio nello spazio del Virgin Atlantic, del rapporto con le tecnologie, oltre a tutta la parte dedicata all’uso e alla gestione dei social media.

operatori_blogger_san_vincenzo

Operatori e blogger in miniera, un momento molto suggestivo dell’edublogtour

I 20 “operatori smart” hanno poi partecipato a un Edu-BlogTour che li ha visti protagonisti nell’uso dei canali social supportati da un gruppo di blogger. I blogger, in questo caso anche docenti, sono stati selezionati per la qualità della scrittura, privilegiando gli aspetti emozionali e di qualità espressiva piuttosto che il classico e molto tecnico travel blogger professionale.

A parte le metriche del blog tour che comunque rappresentano livelli interessanti di audience, il social media team di #SanVincenzo4U non si è fatto pregare ed ha iniziato a dotarsi di un account Twitter, di una pagina Facebook e ha lanciato in occasione della prossima Notte Blu un contest Instagram.

edu_blog_tour_san_vincenzo

Foto ricordo e lancio del servizio #SanVincenzo4U in diretta dalla spiaggia.

Coinvolgere i residenti e motivarli i al racconto dei territori, dotandoli di piattaforme e attivando sistemi di collaborazione consente di ottenere brillanti risultati sia a livello di socialità sia a livello di collaborazione e di sana competizione. San Vincenzo è la seconda destinazione che intraprende il percorso Destinazione 2.0 di Studio Giaccardi e Officina Turistica, già si pensa alla fase 2, così come è accaduto a Levanto che, già dal 2013, ha intrapreso questo percorso di promozione e collaborazione territoriale tra operatori.

Tags: - - - - -

condividi l'articolo

Lascia un commento

I campi con (*) sono obbligatori.

 
 

Facciamo insieme DMO – Arzachena Costa Smeralda destinazione globale

Ultimi articoli pubblicati

Leggi tutto

Le ultime ricerche dello Studio Giaccardi & Associati

Leggi tutto


Iscriviti alla newsletter e segui tutte le novità dello Studio Giaccardi e Associati

Seguici su Facebook